Tribuna Elettorale – Lorenzo Maggi, Lodi ha bisogno dell’ alternanza che è fisiologica di una democrazia efficiente

Ieri si è tenuto il primo incontro di Tribuna Elettorale di Raitre Regionale a cui hanno partecipato i candidati sindaco alle prossime elezioni comunali di Lodi.

A seguire la sintesi delle risposte di Lorenzo Maggi ai quesiti evidenziati dai giornalisti durante il rapido domanda e risposta.

Da dove si può far ripartire Lodi grazie a questa tornata elettorale?

Lodi ha realmente bisogno di ciò che considero fisiologico in democrazia, ovvero di alternanza. E’ dal 1996 che il centrosinistra governa Lodi e in tutti questi anni ho visto la città affondare in un degrado su più ambiti, anche per ciò che riguarda l’ordinaria gestione. Per questo motivo, ritengo che siano davvero emblematici, nell’ottica di una ripresa, ciò che è espresso nei nomi delle liste che appoggiano la mia candidatura: Lodi ha bisogno di una svolta perché è democratico che ciò avvenga, ha bisogno di un sindaco che sappia unire e sia sindaco di tutti, a Lodi serve passione perché vi sia un ritorno di fiducia nel governo della città dopo anni di interruzioni e commissariamenti e soprattutto la città deve ripartire dai giovani. Tutti elementi che sento parte vera e partecipe della nostra coalizione

Tema Ambiente e Salute a Lodi

Un tema importante su cui il sindaco, al di là della conformità del territorio su cui è impensabile di poter operare, deve cercare di  fare leva valorizzando strumenti amministrativi che siano di massima ottimizzazione: penso alla tutela dei parchi, all’implementazione del verde e all’efficientamento energetico. Queste sono corde su cui possiamo e vogliamo agire da subito. In particolare modo abbiamo già individuato nelle ESCO – emerge service company, operatori specializzati in grado di operare su dinamiche di monitoraggio e efficientemente dei consumi energetici da parte della pubblica amministrazione. Così come in agenda vi è la prioritaria attenzione al miglioramento della raccolta differenziata nel sistema porta a porta su cui evidentemente permangono molte problematiche. Torneremo ovviamente a gestire la cura del verde pubblico che per quanto possa essere una semplice attività di ordinaria gestione, a Lodi ha conosciuto nella precedente amministrazione totale disattenzione

Ambiti di sviluppo nei prossimi 5 anni di mandato amministrativo

La passione per la città deve guardare concretamente al miglioramento e il nostro sguardo si pone sulla necessità di sviluppo in termini turistici, commerciali e imprenditoriali. Da liberale continuo a pensare che non sia la politica a creare il lavoro, ma la politica può contribuire e tanto soprattutto se decide di fare un passo indietro e lasciare spazio a chi il lavoro lo crea. Ecco pertanto che agiremo con forza con questa convinzione sburocratizzando, riducendo le regole ove ridondanti e limitanti allo sviluppo del commercio e all’attrazione di interessi, e abbassando le tasse. Non dimentichiamo poi che dalla precedente amministrazione ereditiamo situazioni di grande criticità nei termini di messa in sicurezza di spazi importanti per lo sport e la cultura oltre che per l’educazione dei nostri figli: palazzetto dello sport, stadio, teatro e scuole necessitano di azione immediata. Per non parlare della manutenzione delle strade, abbandonata a una sorte che lamentano indistintamente cittadini di tutti i quartieri. Agiremo con concretezza per il miglioramento in  termini di ripristino dell’efficienza in Lodi.

Come finanziare le operazioni di gestione durante prossimo mandato amministrativo

Innanzitutto se si parla di Bandi , una prospettiva che ben conosciamo e che consideriamo importante, affinché questa non sia un semplice tema di grande appetibilità per la conduzione della campagna elettorale, è necessaria che vi sia competenza e conoscenza in merito. Segnaliamo infatti  a sintesi di tale considerazione, l’episodio in cui la precedente amministrazione ha ignorato o sottovaluto la dinamica bandi quando, per la ristrutturazione della piscina coperta Faustina, un nostro candidato a consigliere comunale segnalò l’opportunità di poter aderire come Comune ad un bando in grado di coprirne le spese.  L’assessore dell’epoca non solo ignorò la materia, la sminuì e si perse ogni possibilità di accesso a tale strumento. Si deve però partire anche eliminando costi che consideriamo superflui. L’addetto stampa del comune costava ai contribuenti 81.000 euro lordi in passato e 67.000 euro lordi durante l’ultima amministrazione. Crediamo realmente che questo ruolo possa essere ricoperto ad un costo differente per le casse del Comune. Inoltre tagliare i costi può rappresentare anche un miglioramento di efficienza se questo si realizza nell’eliminare partecipate che sono di fatto carrozzoni occupati dalla politica, le cui nomine sono retoriche e non svolte in termini professionali e funzionali, le posizioni spesso clientelari e per assegnazione diretta senza bandi. Su questi segmenti vogliamo operare con l’introduzione di operatori privati in grado di valorizzare risorse al pari passo dell’efficienza gestionale

Cosa si può realizzare nei primi 30 giorni di mandato

Azioni semplici ma concrete e che siano nel segno di svolta per un cambiamento utile a Lodi. Taglieremo per esempio da subito l’imposta di soggiorno che produce pochissimo gettito e molta burocrazia. Permetteremo la sosta gratuita ai disabili negli spazi contrassegnati come spazi blu. Si deve tornare inoltre a vivere un armonia politica fatta di cooperazione, considerando l’opposizione non può come un fardello ma come una forza politica completiva con cui lavorare per il miglioramento. Ma soprattutto tornare ad ascoltare i lodigiani. Noi abbiamo già iniziato a farlo un anno fa da aprile a dicembre con gazebo itineranti per tutti i quartieri di Lodi e abbiamo capito che quasi sempre le situazioni di disagio e malcontento nascono da problematiche apparentemente semplici ma che davvero impattano la vivibilità della città. Andremo pertanto a fare ciò che davvero serve a Lodi: rimetteremo i cestini che mancano, elimineremo le campane del vetro, porteremo la raccolta rifiuti in fascia notturna così come la pulizia strade senza dover imporre il vincolo di spostamento auto. Lodi vuole un segnale di concreta operatività e risoluzione e noi già nei trenta giorni opereremo in  tal senso.

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...